Per molte persone può risultare solo una parola dalla pronuncia difficile, ma l’ortocheratologia è ormai una realtà più che affermata.
In cosa consiste?
Applicando una lente a contatto di notte è possibile correggere o ridurre la miopia, l’ipermetropia e alcuni casi di astigmatismo. Durante la giornata la visione sarà ottimale senza indossare nessun occhiale o lente a contatto.
Come funziona?
Questa lente semirigida, avendo una particolare geometria detta “inversa”, viene studiata individualmente su ogni persona e permette un modellamento controllato del profilo corneale (la superficie più esterna dell’occhio) durante la notte. Questo permette, una volta tolta la lente, di avere una visione nitida.
Che vantaggi ci sono?
Pensate a come sarebbe la vostra vita senza dover utilizzare occhiali o lenti a contatto durante tutto il giorno. L’ortocheratologia permette questo, non sarà più necessario alcun ausilio visivo per vedere bene. In qualunque attività quotidiana, dallo studio al lavoro, in qualsiasi tipo di sport, potrete liberarvi dagli impedimenti dati da occhiali (campo visivo limitato, si sporcano, possono rompersi ecc.) e delle lenti a contatto tradizionali (fastidio nel porto prolungato, possibilità di fuoriuscita della lente, disturbo se entra qualcosa nell’occhio, utilizzo difficoltoso in condizioni particolari ad es. spiaggia, ambienti polverosi, sport di contatto). Inoltre, avendo un utilizzo notturno, la lente non viene percepita dall’occhio in quanto chiuso, non arrecando alcun disturbo al portatore.
Ci sono controindicazioni?
Le controindicazioni sono le stesse delle lenti a contatto a ricambio frequente: severa scarsità lacrimale, presenza di patologie a carico di cornea e congiuntiva, accentuata sensibilità oculare.
Il loro utilizzo è sicuro?
L’uso di qualsiasi tipo di lente a contatto è sicuro solo se ci si sottopone a controlli periodici e vengono rispettate le regole igieniche e di utilizzo specificate dallo specialista.
Nel corso degli anni sono stati eseguiti numerosi studi che hanno evidenziato come l’utilizzo di questa tipologia di lenti abbia lo stesso livello di rischio di qualsiasi altra lente a contatto tradizionale, tanto che nel 2006 il loro utilizzo è stato approvato e certificato anche dalla FDA (Food and Drug Administration, ossia l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici).
Inoltre recenti studi internazionali hanno dimostrato che l’ortocheratologia ha sicuramente un’ efficacia nella stabilizzazione della miopia, rendendo questo trattamento molto interessante già nella fascia di età adolescenziale in cui è noto il maggiore sviluppo del difetto visivo. Per chi volesse approfondire questa tematica allego due recenti ricerche:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4391793/
http://www.hindawi.com/journals/joph/2015/360806/
Inoltre questo “modellamento” è totalmente reversibile: dopo circa una settimana di non utilizzo delle lenti la cornea tornerà alla sua forma originale.
L’applicazione è personalizzata in base alle caratteristiche di ogni occhio, sarà quindi eseguita solo dopo un’analisi visiva completa, una mappa corneale e la verificata assenza di controindicazioni specifiche. Durante tutto il periodo di utilizzo sarà di fondamentale importanza il rispetto delle norme igieniche e il processo di manutenzione delle lenti che verrà dettagliatamente specificato dall’optometrista applicatore. Saranno inoltre programmati controlli costanti, in modo da verificare la stabilità della visione e del modellamento corneale.
Per qualsiasi altra informazione siamo a vostra disposizione.

Dott. Luca Pretato per Ottica Moderna